Consulenza individuale


Ansia,  paure ,depressione,  rabbia, crisi esistenziali possono diventare, in certi momenti della vita, “compagne” indesiderate del nostro cammino.

 

Che abbiano radici profonde o siano scatenate da eventi recenti rendono difficili, a volte invivibili, le relazioni quotidiane e il rapporto con se stessi.

Non sono sintomi di debolezza o segni di incapacità di vivere.

 

 

“Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, che non hanno inciampato, la loro è una virtù spenta di poco valore: a loro non si è svelata la bellezza della vita”.

Boris Pasternak

 

Nessuno può decidere o influenzare certi avvenimenti che capitano nella propria esistenza, tuttavia è possibile scegliere il modo in cui reagire, imparare a non soccombere sotto il peso degli eventi ma piuttosto accettarli, dominarli e renderli  innocui o, ancor di più, punti di forza da cui ripartire. 

 

Ed è possibile perché gli esseri umani possono cambiare la loro vita cambiando i loro atteggiamenti mentali.

 

" Se una cosa ti tormenta, non soffri per quella cosa in sé, ma per il giudizio che hai su di essa. Ed è in tuo poter spazzare via subito quel giudizio”.

Marco Aurelio

 

Allora attiviamoci assieme per esplorare e scoprire nuove risorse per comprendere e superare le proprie inconsapevolezze, le proprie percezioni confuse e disfunzionali, le proprie convinzioni e riconoscere le proprie responsabilità.

 

Queste sono le premesse per intraprendere un percorso di autocoscienza, attraverso un cammino che porta a trasformare ogni "caduta" nella scoperta più intima di se stessi e nella conquista del cambiamento.

 

Vi lascio, perfetta, a tal proposito, l'"Autobiografia in cinque corti capitoli" di Portia Nelson.

 

Capitolo primo

 

Cammino lungo una strada.

C'è una buca profonda nel marciapiede.

Ci casco dentro.

Sono perduto,

non posso farci nulla,

non è colpa mia.

Ci metto una vita per uscirne.

 

Capitolo secondo

 

Cammino lungo la stessa strada.

C'è una buca profonda nel marciapiede.

Faccio finta che non ci sia.

Ci casco dentro.

Non posso credere di essere ancora nello stesso posto.

Ma non è colpa mia.

Mi ci vuole un sacco di tempo per uscirne.

 

Capitolo terzo

 

Cammino lungo la stessa strada.

C'è una buca profonda nel marciapiede.

La vedo benissimo.

Ci casco dentro di nuovo;

è un'abitudine.

Ma i miei occhi sono aperti:

so dove sono.

E' colpa mia.

Ne esco immediatamente.

 

Capitolo quarto

 

Cammino lungo la stessa strada.

C'è una buca profonda nel marciapiede.

Ci cammino intorno.

 

Capitolo quinto

 

Me ne vado per un'altra strada.